Cerca nel blog

giovedì 15 novembre 2012

Capire la salute "leggendo" la lingua


Ma come dovrebbe essere la lingua in salute ideale? Rosea ai bordi, più chiara al centro, umida, con margini lisci e la possibilità di estroflettersi e sollevarsi sul palato senza problemi.

Ci sono persone che hanno la lingua seghettata, con impronte dentali ben evidenti sulla parte molle: è il segnale di una continua pressione della lingua sull’arcata dentale e quindi di ansia, nervosismo, a volte anche di instabilità psichica.

Quando invece la lingua brucia, può essere la spia di una depressione strisciante. Importante anche il colore che può assumere la lingua: quando i villi presenti sulla mucosa sono bassi, hanno il classico colore rosa; se crescono troppo diventano bianchi, a volte perfino neri.

La lingua bianca, molto diffusa, può essere causa di un banale stress o anche di una malattia infettiva, opure di problemi di stomaco: gastrite o ulcera gastrica in atto.

La lingua “a carta geografica” (detta così perché i villi sono distribuiti in maniera disomogenea, rendendo la lingua a chiazze bianche e rosse) di solito è dovuta a una reazione allergica eccessiva rispetto a stimoli esterni come i pollini o altri allergeni cutanei: frequente, infatti, in caso di rinite allergica o dermatite atopica.
La lingua pallida può nascondere un’anemia. La lingua liscia uno stato di deperimento, una malattia del fegato e in certi casi addirittura una forma tumorale. La lingua marrone può essere provocata dal fumo di sigaretta o anche indicare uno sviluppo batterico anomalo o una gastrite. Se troppo secca, di solito è segnale di disidratazione, problemi renali o diabete.