Cerca nel blog

venerdì 17 febbraio 2012

COME FAR RIVIVERE I VECCHI LIBRI.

Avere una bella libreria fornita è stupendo sotto vari punti di vista: naturalmente l’aspetto culturale è preponderante, se hai tanti libri si presuppone tu li abbia letti, e quindi ne avrai tratto conoscenza, ma, più banalmente, gli scaffali pieni di volumi sono un bel biglietto da visita per una casa, ed uno spazio d’arredamento sempre di qualità. Ma, a volte, i libri diventano troppi, lo spazio finisce e dobbiamo pensare a cosa fare di tutte queste pagine. Vediamo, allora, insieme come “riciclare” i nostri libri vecchi, in modo che rivivano con altre persone.

Oltre al problema di spazio, esiste quello dell’allergia alla polvere, elemento che l’accumulo di carta comporta, quindi, se anche questa componente è in gioco, una prima soluzione, ottima, è quella di donare i tuoi libri ad una biblioteca pubblica. Questa è una scelta vincente, dona sapienza al prossimo, ti libera dall’ingombro e ti permette di fare una reale buona azione. Alternativa alla biblioteca può essere una scuola.

Un’altra soluzione, meno nobile, ma tutt’altro che errata, è la vendita, che possiamo dividere i tre parti:

-    vendita ad un negozio che ritira l’usato ripagandolo in soldi o buoni;
-    vendita in mercatini e bancarelle;
-    vendita online, con annunci su ebay o  forum specializzati.

In ogni caso, questa è una pratica ottima e può risultare vantaggiosa in caso di possesso di libri fuori catalogo o non semplici da trovare: magari prima della vendita fate una piccola ricerca a riguardo.

Come ultima scelta, buonissima, c’è il regalo: possiamo regalare i nostri libri un po’ qui e un po’ lì, tra amici, parenti, fidanzate/i, a natale, compleanni o in qualsiasi occasione, l’importante è non sprecare o buttare via (mai!) i libri e quello che possono insegnarci!